Accesso pro
Sei qui: \ \ \ Che tipo di riscaldamento scegliere

Che tipo di riscaldamento scegliere

Per sfruttare al massimo la propria piscina... Esistono diverse soluzioni per godersi la piscina per tutta la stagione, da aprile a ottobre. Tali soluzioni si differenziano in termini di rendimento, vale a dire il rapporto tra la quantità di energia trasmessa e quella prodotta durante il riscaldamento. Quando si crea del calore, come nel caso dei riscaldatori elettrici, il COP (coefficiente di prestazione) massimo è necessariamente inferiore a 1: da qui nasce l’interesse per le pompe di calore, che invece di creare energia la recuperano dall’atmosfera.

Caldaie : a gas o nafta, permettono di riscaldare velocemente la vasca. Per contro, l’investimento iniziale non è indifferente, così come il consumo di combustibili fossili, il cui COP va da 0.75 per le caldaie classiche a 0.9 per le caldaie a condensazione.

Riscaldatori : costituiti da una resistenza elettrica che scalda l’acqua, hanno il vantaggio di essere compatti, facili da installare e costano poco. D’altra parte, però, consumano parecchia elettricità. Per questo motivo si raccomanda un uso mirato e circoscritto. Il loro COP è eccellente e si avvicina a 1.

Scambiatori : permettono di sfruttare la caldaia domestica per riscaldare la vasca. Resta inteso che il locale tecnico della piscina debba trovarsi in prossimità della propria abitazione. Il rendimento e il costo di utilizzo dipendono dalle prestazioni della caldaia principale.

Pannelli solari : si tratta di un tipo di riscaldamento molto interessante; ovviamente, è preferibile trovarsi in un’area ben soleggiata, condizione indispensabile per ammortizzare un investimento iniziale piuttosto sostanzioso. Il rendimento dipende esclusivamente dall’intensità dell’esposizione ai raggi del sole.

Pompe di calore : trasmettono le calorie dell’aria esterna all’acqua della vasca per riscaldarla.
Questo principio permette di ottenere un COP 4 o 5 volte superiore rispetto agli altri metodi di riscaldamento.
Ciononostante, l’apparecchio deve smuovere parecchia aria e questo potrebbe produrre un rumore fastidioso. Di conseguenza, è bene valutare attentamente dove posizionarlo.
Infine, anche se la temperatura dell’acqua aumenta gradualmente, oggi la pompa di calore rappresenta il principio più economico e più ecologico per il buon riscaldamento della piscina.

NB : . Indipendentemente dalla tipologia di riscaldamento scelta non dimenticarsi mai di coprire la piscina, specialmente nelle ore notturne, al fine di ridurre la dispersione di calore ed evitare il fenomeno dell’evaporazione.

Pompe à chaleur piscine : se baigner plus longtemps

Condividi questo segreto con un amico

Leggere anche

Godersi la piscina più a lungo?
Si può!

Quale pompa di calore per la mia piscina ?

Scopri le
pompe di calore

Guarda il
video sulle
pompe di calore